Claudia D'Anna

Claudia D’Anna (Napoli, 1981) vive e lavora tra Napoli e Matera.

Dopo aver conseguito la maturità artistica, si è laureata e specializzata in Pittura e scenografia con il massimo dei voti presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli.
Lavora da diversi anni nel mondo del cinema animato e sperimentale presso le scuole primarie e secondarie.

Fa parte del consiglio direttivo dell'associazione culturaleAallelammie di Pisticci - Matera dove si occupa dell'organizzazione di eventi culturali come il Lucania Film Festival (festival internazionale di cinema indipendente) e mostre di arte contemporanea.

Lavora costantemente nel suo laboratorio dove sperimenta sempre nuovi metodi di linguaggio.

Organizza corsi di formazione cinematografica, laboratori di arte, dipinge ed espone costantemente in Italia e all'estero.

Artista poliedrica e di eclettica creatività, nei suoi lavori è racchiusa una sintesi di tutte le avanguardie del novecento in un’ottica attuale e visionaria.

Nelle opere pittoriche la materia informe e cadente si ordina sulla tela come tanti elementi o pixel di un’immagine, di un’idea globale.

Le tematiche di Claudia D'Anna pongono in oggetto spesso il corpo come "luogo" di creazione dell'identità.

Gioca sulla spersonalizzazione psichica e metafisica dell'individuo posto come essere fatto di carne, ossa, sangue e introspezione.

Nella pittura di Claudia D’Anna la forza espressiva è tanto estrema da trovare necessaria la materia, fino a poter paragonare le opere a dei veri e propri bassorilievi.
Il suo lavoro spazia dalla pittura alla fotografia fino ad arrivare alla grafica.

Artista fortemente improntata sulla sperimentazione delle tecniche pittoriche, fotografiche e grafiche.

Partecipa attivamente ad esposizioni nazionali ed internazionali di Arti Visive.

Senza titolo
Senza titolo

DICONO DI LEI…

Guardando le opere di Claudia D’Anna siamo come sovrastati, pervasi in tutti i nostri sensi e consapevoli che ci troviamo di fronte ad una artista poliedrica e di eclettica creatività. Claudia D’Anna pone al centro delle sue opere la metamorfosi, la forza espressiva della fisicità del corpo.
L’artista abbandona i suoi psicologismi privati e attraverso la rappresentazione del proprio corpo procede ad una mutazione. Un processo biologico che porta in una trasformazione in “qualcos’altro e non in qualcun’altro”, a distinguere una mera imitazione, dal raggiungimento della pura verità attraverso “emozioni e organi”. Attraverso i suoi “lavori come installazioni” l’artista mette a nudo parti di se che non emergerebbero da un approccio psicologico. Infinito, ignoto, vuoto, bellezza, sofferenza, amore, amore proibito, vita, questi e forse tanti altri sono i temi che si intrecciano e si dipanano nelle opere di D’Anna. Espressione di una idea che è propria di un’artista che non pone limiti, confini ma soglie, passaggi, relazioni.
La materia è corpo, il corpo è il soggetto, il soggetto torna alla materia.

CATALDO COLELLA

 

La ricerca artistica di Claudia D’Anna parte sicuramente da una concezione tradizionale e storica dell’arte quali i pennelli, i colori e lo studio di movimenti storici e di avanguardia.
Si è formata all’Accademia delle Belle Arti di Napoli, studia, si specializza in pittura e scenografia.
Attualmente dipinge, lavora nel mondo del cinema animato e sperimentale, si occupa della realizzazione di eventi culturali.
L’espressionismo europeo e quello americano le soni familiari: i colori forti e contrastanti; le pennellate materiche creano un effetto di luci e ombre, ci ricordano E. Munch, E. Nolde; mentre il gesto, la linea e la massa di colore, sono l’ espressione di qualcosa che si muove nell’inconscio, il richiamo all’Actiong Painting americana (Pollock) e alla volumetria cubista.
Da questa sintesi viene fuori un’artista dotata di una forte personalità che sperimenta, osa e cerca di esprimersi con una tecnica che colpisce l’osservatore.
È importante sia come dipinge che quello che dipinge.
L’atto, il gesto e l’idea della sua opera, sono forti momenti espressivi che provengono da un profondo mondo interiore
Il ritmo dei colori la stimola e la conduce ad un movimento sempre più intenso, a volte frenetico.
Apparentemente è una pittura astratta che grazie al colorismo assume un significato lineare e limpido con la rappresentazione di volti, il disegno traccia delle forme che sono reali.
È facile osservare i particolari, la grandezza degli occhi, bocca, dita diventano necessari per equilibrare la massa di colore diffuso.
La pittrice si serve dei particolari per mescolare una nota di volgarità, critica alla società contemporanea.
La sua pittura però è a volte enigmatica, cela il mistero ed è espressione di una ricerca interiore spesso mutevole. Passionale nei colori caldi e forti, ambiziosa sia artisticamente sia emotivamente, dotata di ingegno, creatività ed espressività.

ADELE PELAZZA

celesteprize.com
celesteprize.com
www.robertasmedili.it
www.robertasmedili.it
gigarte.com
gigarte.com
equilibriarte.com
equilibriarte.com
ioarte.org
ioarte.org
Aiutaci nei nostri progetti di solidarietà
Aiutaci nei nostri progetti di solidarietà